Prodotti e servizi

Trattamenti superficiali su metalli: a cosa servono

Trattamenti-superficiali-su-metalli_800x534

Il trattamento superficiale su metalli è un’operazione che risulta necessaria qualora si vogliano conferire alla superficie del materiale proprietà differenti da quelle già in possesso. Un trattamento superficiale è in grado di rinforzare dal punto di vista meccanico, termico, chimico ed estetico, dando al prodotto finito migliori caratteristiche.
Non esiste un’unica lavorazione in grado di soddisfare più esigenze, ma a seconda di ciò che viene richiesto è possibile agire di conseguenza, trattando la superficie metallica in maniera specifica e finalizzata allo scopo.

Gli scopi del trattamento superficiale su metalli

Il trattamento superficiale su metalli ha molteplici scopi, i quali possono influenzare il prodotto finito, le sue caratteristiche e le sue finalità, anche negli utilizzi.
A seconda della destinazione d’uso del metallo è possibile optare per il trattamento più indicato.
Riduzione degli attriti, incremento della durezza, proprietà termiche, preparazione alla verniciatura, sono soltanto alcuni scopi che possono giustificare un trattamento della superficie metallica.
Alcuni trattamenti superficiali è possibile realizzarli completamente soltanto a fine lavorazione, mentre altri vanno obbligatoriamente conferiti durante le lavorazioni, in quanto, nella maggior parte dei casi, il trattamento stesso va a modificare anche la struttura del materiale, rendendone difficile la modellabilità e la lavorazione.
Le finalità dei trattamenti vanno di pari passo con i benefici che si ricercano, commisurati al tipo di utilizzo finale del metallo stesso.

I benefici dei trattamenti superficiali

I benefici dei trattamenti superficiali su metalli sono diversi e tutti concorrono a migliorare non solo la superficie, ma il metallo in generale.
I principali benefici che si possono ottenere in seguito ad un trattamento superficiale possono essere orientati a favorire lo scorrimento di parti a contatto, riducendo l’attrito, oppure a preservare la superficie dalla corrosione dovuta all’azione di agenti chimici.
Importanti benefici che ne scaturiscono ulteriormente riguardano la durezza: trattamenti come ad esempio la tempra riescono a conferire alla superficie una resistenza maggiore.
Un trattamento superficiale sul metallo porta benefici anche alle lavorazioni successive, di finitura, come ad esempio la cromatura, la verniciatura oppure l’incollaggio: spesso le superfici non sono in grado di essere naturalmente pronte a subire ulteriori processi e necessariamente richiamano trattamenti idonei a favorire l’applicazione di sostanze atte a rendere di miglior aspetto il pezzo finito. Il modo con cui è realizzato il trattamento superficiale può generare un aspetto differente alla stessa superficie, sia dal punto di vista estetico che cromatico.