Prodotti e servizi

Sintomi dei parassiti del gatto: come riconoscerli

I parassiti del gatto sono una fastidiosa eventualità, nella grande maggioranza dei casi, ma un serio pericolo per la salute dell’animale e delle persone in altri. Per scongiurare il pericolo sono necessari tre atteggiamenti: la prevenzione, la riduzione del rischio e l’attenzione ai possibili sintomi. Vediamo insieme quali sono i sintomi principali di infestazioni da parassiti nel gatto!

Zecche

La zecca si presenta sul pelo, come un piccolo bozzo duro. E’ visibile ad occhio nudo, guardando scrupolosamente, perché il suo volume corporeo aumenta molto dopo i pasti a base di sangue.

I sintomi correlati ad una infezione sopraggiunta dopo il morso di zecca, a causa dello scambio di sangue tra gli animali attraverso il parassita, sono:

  • Rash: arrossamento, gonfiore e prurito nel punto del morso
  • Febbre: da moderata ad elevata, in base al tipo di virus, batterio o parassita implicato
  • Difficoltà di movimento: di solito è uno degli arti a sembrare più debole o dolorante, e a rendere l’andatura del gatto claudicante, incerta, dolorosa

La cura per le punture di zecca è articolata in eliminazione dei parassiti, cura della ferita, controllo e cura delle eventuali infezioni successive.

Vermi e protozoi intestinali

Sono molti i parassiti che, nel gatto, attaccano il sistema intestinale. Il gatto li può contrarre dal consumo di carne cruda, anche di prede trovate fuori casa o da carcasse di insetti, uccelli o roditori, leccandosi il pelo sporco, usando una lettiera mal pulita o venendo allattato da una madre malata.

I sintomi sono spesso:

  • Diarrea
  • Perdita di peso, appetito, tono muscolare, energie
  • Pelo secco, ispido, che cade a chiazze
  • Vomito
  • Sangue, muco, brandelli di uova o dei fermi nelle feci o intorno all’ano
  • Addome gonfio e dolente
  • Rossore dell’ano
  • Tosse o difficoltà a respirare (alcuni parassiti si accumulano non nell’intestino o nello stomaco, ma nei polmoni e nelle arterie e vene che servono il cuore)

Sono molte le cure disponibili per i vari tipi di vermi dei gatti, sicure e con effetti dimostrabili in poco tempo. La presenza di parassiti si verifica con un esame delle feci, da cui si desume la specie infestante (e dunque il farmaco giusto per il trattamento).

Pulci

Le pulci sono probabilmente il più seccante dei parassiti del gatto. La puntura si manifesta con prurito, rossore e uno smanioso desiderio di grattarsi, strusciarsi o mordicchiarsi per alleviare il prurito. Il pelo può risentire delle aggressioni di zampe e lingua chiazzandosi, assottigliandosi, cadendo o diventando opaco e ispido. La pelle del gatto che soffre di dermatite da pulci è arrossata, ruvida, calda e pruriginosa o dolente.

Il trattamento delle pulci è sia preventivo, con gli antiparassitari, che curativo. Inoltre è necessario disinfestare la casa: se un gatto ha le pulci è praticamente certo che la casa in cui vive sarà altrettanto infestata, con gravi rischi per i suoi abitanti, che siano altri animali o umani.