Casa

Incendio domestico, quali sono le cause e come prevenirlo? La parola agli esperti del settore

Lo sviluppo di un incendio domestico o all’interno di un ufficio non è un caso isolato, ma frequente. Nella maggior parte dei casi è la disattenzione e la poca cura a farla da padrona, con tutte le conseguenze e i danni che ne derivano.

Quando le fiamme sono alimentate e l’incendio è in atto non si può far molto se non cercare una via di fuga, allertare i Vigili del Fuoco e i tutti i vicini presenti. E dopo cosa succede? Ma quali sono le cause di un incendio e le misure di prevenzione da adottare? Scopriamolo insieme.

Cause di incendio domestico

I meno esperti pensano che un incendio possa scatenarsi per una fatalità, mentre è la disattenzione o il mancato controllo di apparecchiature a scatenare questa situazione ad alto rischio.

Se gli incendi nei capannoni e uffici possono essere sviluppati da sostanze infiammabili utilizzate giornalmente (senza controllo e in maniera non corretta), in una abitazione le cause principali possono essere:

  • Presenza di oggetti a bassa, media e alta infiammabilità vicine a fonti di calore (anche libri e giornali vicino ad un camino acceso sono pericolosi);
  • Corto circuito per mancato controllo degli impianti, mancata manutenzione e impianti non in regola;
  • Malfunzionamento e mancata manutenzione di camini, stufe, caldaie e ogni tipo di impianto che genera calore;
  • Disattenzione con mozziconi di sigaretta ancora accesi per casa, fornelli della cucina vicino a stoffe/tessuti, barbecue e tutti comportamenti non sicuri in presenza di una fiamma accesa.

Questo non significa che per un incendio domestico, o in altri contesti, la colpa sia da imputare ad una persona, ma nella maggior parte dei casi si tratta solo di poca attenzione e mancato controllo degli impianti da parte di professionisti.

Nella maggior parte dei casi, un incendio in casa si può evitare. E dopo cosa accade? Nella speranza che l’immobile sia recuperabile si dovranno attuare una serie di processi burocratici e contattare degli esperti per la pulizia, sanificazione e rimessa a nuovo della casa, come da approfondimento dettagliato in questa pagina.

Si possono prevenire gli incendi domestici?

Una volta che le cause di incendio domestico sono chiare è importante poter prevenire e mettere l’immobile in sicurezza. Le buone regole per la prevenzione incendi in casa (e non solo) sono:

  • Pianificazione periodica regolare da parte di consulenti certificati per valutare il corretto funzionamento di tutti gli apparati presenti in casa. Questi possono essere impianti elettrici, generatori di calore, caminetti, canne fumarie, climatizzatori, elementi della cucina;
  • L’impianto elettrico domestico deve essere a norma e certificato, con attenzione ai sovraccarico dovuto a ciabatte o doppie prese;
  • Selezionare e riconoscere i liquidi infiammabili presenti in casa, tenendoli al sicuro dai bambini e in un armadietto esterno;
  • Camini, pentole, fuochi accesi e tutto ciò che abbia una fiamma deve essere tenuto sotto stretto controllo.

Per quanto si possa fare attenzione, ridurre a zero la possibilità di un incendio è impossibile. Cercare di controllare continuamente impianti e dispositivi, adottando anche un sistema di rilevazione del fumo utile come allarme in caso di principio di incendio.