Salute

I migliori rimedi per la secchezza vaginale

La secchezza vaginale è un problema comune riscontrato da una donna su tre, in particolare da quelle che stanno attraversando la menopausa o che presentano sintomi di menopausa precoce. La naturale lubrificazione è mantenuta dagli estrogeni, gli ormoni sessuali femminili. Quando i livelli di estrogeni diminuiscono, si è più soggette alla secchezza vaginale.

Tipico degli anni che seguono la menopausa, l’inaridimento della vagina rappresenta molto spesso un freno alla propria serenità sessuale, un ostacolo, fortunatamente, tutt’altro che insormontabile.
Il problema della secchezza vaginale può infatti essere risolto non solo applicando specifici prodotti disponibili in farmacia come il gel lubrificante della durex a base di aloe vera, ma anche ricorrendo a soluzioni più “innovative” e parimenti sicure.

Alla base di un disturbo di secchezza vaginale come abbiamo detto ci sono i cambiamenti ormonali che possono però essere associati anche al ciclo mestruale, alla gravidanza e all’allattamento, che possono influenzare l’idratazione delle pareti vaginali. Di conseguenza possono insorgere prurito, bruciore, intorpidimento, dolore o lievi sanguinamenti durante i rapporti, urgenza nella minzione e infezioni ricorrenti delle vie urinarie. A causare il problema possono essere anche la chemioterapia, la radioterapia, terapie ormonali, malattie autoimmuni, la rimozione chirurgica delle ovaie, il fumo di sigaretta e il ricorso frequente all’uso di lavande vaginali.

Secchezza vaginale: cause

La secchezza vaginale è causata principalmente dalla diminuzione degli estrogeni prodotti dal corpo della donna. Questi infatti favoriscono la lubrificazione dell’ambiente vaginale proteggendolo dai batteri. Solitamente la secchezza vaginale è un disturbo tipico della menopausa, tuttavia può essere causato anche da altri fattori come: l’assunzione di particolari tipi di medicinali, disturbi immunitari, interventi chirurgici e fumo. In alcuni casi, inoltre, la secchezza vaginale potrebbe svilupparsi in seguito ad una gravidanza o durante l’allattamento. Infine ulteriori cause di secchezza vaginale possono essere uso di detergenti intimi troppo aggressivi, lozioni o profumi, e lavande vaginali frequenti.

Sintomi secchezza vaginale

I sintomi della secchezza vaginale includono, oltre la classica sensazione di secchezza, anche:

  • Piccoli sanguinamenti durante i rapporti sessuali.

La secchezza vaginale può comportare delle complicazioni come:

  • Infiammazioni intime.
  • Piccole lesioni o ulcere spontanee o da traumi (dopo un rapporto sessuale ad esempio).
  • Infezioni vaginali e/o urinarie frequenti.

I rimedi contro la secchezza: crema topica, lubrificanti e farmaci

I rimedi per la secchezza vaginale sono diversi, e vanno da rimedi naturali a vere e proprie cure farmacologiche. In generale, le terapie hanno lo scopo di aumentare gli estrogeni nel sangue, per stimolare l’idratazione naturale delle mucose. Un trattamento topico è preferibile a uno per via orale, cioè: creme, pomate e lubrificanti locali sono meglio delle pillole di estrogeni.

Con secchezza vaginale quando rivolgersi al proprio medico?

Parlare con il proprio medico o con il ginecologo di eventuali problemi di secchezza vaginale aiuta ad affrontare il problema nel miglior modo possibile. Per questo bisognerebbe sempre chiedere un consiglio: a giovarne sarà la qualità di vita in generale.

Secchezza Vaginale: Come Prevenirla?

Per prevenire la secchezza vaginale e salvaguardare la salute delle donne, il consiglio principale è mantenere un’adeguata igiene intima (niente lavande vaginali, detersione eccessiva, pantaloni attillati o saponi aggressivi; semplicemente acqua tiepida e un po’ di detergente clinicamente testato a pH 3.5-5.5 sui genitali esterni).