Prodotti e servizi

Come sfruttare Google Home per rendere la propria casa domotica

Google Home è uno strumento indispensabile per rendere la propria casa domotica. Come possiamo leggere su Wikipedia, la domotica si occupa dello studio e l’applicazione delle tecnologie di ultima generazione per migliorare la qualità della vita nelle nostre case e, naturalmente, aiutarci a razionalizzare l’energia utilizzata, con un notevole risparmio di denaro.  Al giorno d’oggi infatti, l’assistente virtuale del colosso di Mountain View, è uno dei leader in questo settore e risulta un ottimo modo per coordinare le tante apparecchiature smart delle nostre abitazioni.

Quanto offerto da Google infatti, è un vero e proprio cervello in grado di fare da tramite tra i proprietari delle abitazioni e gestire  i diversi prodotti che costituiscono una casa domotica. In questo articolo analizzeremo brevemente tutti gli oggetti che possono in qualche modo interagire con Google Home.

Sfruttare Google Home per rendere la propria casa domotica: quali sono le principali tipologie di prodotti

Quali sono i prodotti che rendono una casa realmente “domotica”? I più basici dei dispositivi smart sono senza dubbio le lampadine a LED. Che siano con accensione classica o a gradiente, esse rappresentano uno degli oggetti di uso comune più semplici da far interagire con l’assistente virtuale.

L’accensione e lo spegnimento (ma anche la regolazione) attraverso la voce sono un chiaro esempio. Allo stesso modo anche il settaggio di orari predefiniti per accensione o spegnimento rientrano nella logica della domotica.

E cosa dire dei relativi sensori di movimento? Magari posizionati in giardino? In questo modo si possono accendere le luci di casa semplicemente segnalando la nostra presenza nei pressi della porta d’ingresso.

Il termostato è il secondo dispositivo di cui possiamo parlare. La gestione della temperatura domestica in base agli orari timer non è una particolare novità. Lo è invece la possibilità di gestire la temperatura semplicemente con la voce. In questo senso, i termostati smart, trovano in Google Home il tramite ideale con l’utente.

Baby cam e telecamere di sorveglianza sono altri dispositivi con cui è possibile interagire attraverso un assistente virtuale. Naturalmente molto dipende dal modello di prodotto che si acquista anche se, a meno di non ripiegare su dispositivi particolarmente datati, dovrebbero integrarsi con Google Home, com’è il caso per la maggior parte degli allarmi senza fili.

Non mancano poi tapparelle, televisori e tanti altri dispositivi che possono essere coordinati vocalmente con l’assistente virtuale: date uno sguardo a risorse come Laboratorio Gadget dove vengono affrontate tali tematiche per avere una panoramica più completa ed approfondire il discorso.

IFTTT, applet e domotica

A meno che non si voglia impiegare Google Home in maniera superficiale, è possibile sfruttare IFTTT per creare Applet e poter affinare il funzionamento dell’assistente virtuale. Questo servizio gratuito, attivo dall’ormai lontano 2011, non è altro che l’acronimo di “If This Than That“. Ciò può essere tradotto, a grandi linee come “se succede questo allora attiva quello. Si tratta di un concetto spesso legato alla programmazione che, nell’ambito di Google Home e della domotica, può rivelarsi molto utile.

Come si può sfruttare tale servizio per ottenere vantaggi pratici? IFTTT è accessibile attraverso browser da PC, Android e iOS. Grazie a quanto offerto è possibile (a patto di avere un po’ di voglia di “smanettare”) di automatizzare determinate azioni al verificarsi di un preciso evento. In questo modo è possibile interagire e attivare dispositivi smart, in conseguenza a una azione precisa.

Tutto ciò avviene attraverso applet, ovvero un insieme di azioni ed eventi generati da servizi che interagiscono con IFTTT. Gli applet vengono attivati attraverso un “trigger” ovvero un evento che attiva il meccanismo. Gli applet sono condivisibili e dunque, anche per chi non è un programmatore, risulta facile trovare un sistema adatto alle proprie esigenze.

IFTTT è uno strumento potentissimo che non si limita a lavorare solo nella domotica anche se, le sue incredibili potenzialità, si esaltano se abbinate a Google Home o a dispositivi del genere.