Prodotti e servizi

Birra alla canapa: definizione, effetti e interessi aromatici

Birra: un’ ottima bevanda dissetante da offrire agli amici durante una serata in compagnia accompagnata da gustosi stuzzichini o da una deliziosa pizza.
Non è facile scegliere la birra giusta. In commercio esistono vari tipi di birre, per tutti i gusti e si differenziano in base alla fermentazione che il mosto subisce, al colore, alla gradazione alcolica.
Esistono inoltre birre alle quali, durante la lavorazione, vengono aggiunte altri aromi o frutti, oltre al consueto luppolo.
Negli ultimi anni si sente molto parlare di birra alla canapa e il suo consumo si sta diffondendo molto tra i giovani e gli amatori della birra. È infatti un prodotto che inizialmente incuriosisce ma poi viene apprezzato per le sue particolari caratteristiche organolettiche che in seguito spiegheremo.
Cerchiamo di capire cos’è la birra alla canapa e se ha effetti negativi o se, invece, ha qualche effetto positivo sul consumatore. Analizzeremo poi in breve l’aspetto aromatico della birra alla canapa.

BIRRA ALLA CANAPA: UNA MODA CHE SI STA DIFFONDENDO

Negli ultimi anni la legalizzazione della canapa ha inciso sulla produzione e la vendita di molti prodotti. In molte città iniziano ad esserci negozi specializzati nella vendita di prodotti alla canapa che attraggono ogni giorno sempre un maggior numero di clienti.
Tra gli alimenti in commercio alla canapa troviamo biscotti, farina, vino, pasta e la tanto amata birra.
Sfatiamo la convinzione che che canapa venduta legalmente, possa essere nociva e creare dipendenza. Per la produzione della birra alla canapa, come per altri prodotti, viene utilizzata la CANAPA SATIVA, conosciuta anche come canapa indiana.
La canapa sativa è coltivata per uso tessile e edile e per la produzione della carta; contiene una quantità trascurabile di THC, sostanza nociva, se assunta in dosi elevate, per le sue proprietà psicoattive. L’interazione di questa sostanza psicoattiva con l’alcool potrebbe infatti causare uno stordimento molto maggiore rispetto all’assunzione delle due sostanze separatamente. In Italia, come in molti altri paesi, sostanze con alto tasso di THC sono, infatti, illegali per la forte azione psicotropa riconosciuta.
Nella canapa sativa troviamo invece una sostanza non nociva chiamata CBD, metabolita della canapa che non ha alcun effetto psicoattivo.
Quale differenza c’è tra la birra comunemente conosciuta e la birra alla canapa?
Alla base della lavorazione della birra c’è la fermentazione di malto e lievito a cui, di solito, si aggiunge il luppolo al solo scopo di aromatizzare.
La birra, in realtà, può essere aromatizzata anche con altri frutti o erbe aromatiche. La stessa canapa viene aggiunta alla birra durante la lavorazione.
Il birraio potrà scegliere di aggiungere solo canapa oppure canapa e luppolo insieme per avere un gusto ancora più intenso e particolare.
Per quanto riguarda la birra alla canapa, in fase di lavorazione, vengono aggiunte le infiorescenze di canapa, ossia i fiori femminili della canapa.
Proprio perché la canapa è aggiunta al normale processo di produzione della birra, è possibile avere birra alla canapa di qualunque tipo (rossa, bionda, non filtrata…)
Seguendo le istruzioni di una guida su come fare la birra, potremmo produrre della birra artigianale alla canapa in casa, avendo naturalmente a disposizione tutta la strumentazione necessaria.
Se decidi di produrre birra artigianale in casa, la cosa importante a cui prestare attenzione è l’accurata pulizia infiorescenze della canapa per non rovinare il risultato finale.

QUALI SONO GLI EFFETTI DELLA BIRRA ALLA CANAPA?

Spiegato in modo molto semplice il processo di produzione della birra alla canapa, è facile capire che quest’ultima non provoca alcuna alterazione sotto il profilo psicoattivo, non determina il tipico effetto di “euforia” tipico di altre sostanze stupefacenti, non altera la percezione sensoriale e della realtà
La canapa appartiene, come il luppolo, alla famiglia delle Cannabaceae. Gli studi moderni hanno ormai riconosciuto le proprietà antibatteriche delle Cannabaceae.
Inoltre la birra alla canapa ha sicuramente un effetto rilassante dovuto alla presenza del CBD. CBD stimola la produzione di serotonina e influisce in positivo sull’ansia e sull’umore.
In altre parole la canapa sativa è apprezzata e ampiamente utilizzata per le sue proprietà ansiolitiche, sedative, analgesiche; allevia i disturbi intestinali, il dolore cronico oltre e possiede proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.
Caratteristiche dei cannabinoidi è di essere liposolubili e la birra è fatta per il 90% di acqua, mentre il restante da malto, lieviti e possibili aromi (tra cui può esserci la canapa). Il CBD si lega invece ai grassi. A meno che la birra alla canapa non venga prodotta con l’aggiunta di latte e derivati, ad esempio (ma cosa molto rara, quasi impossibile), non è possibile godere dei benefici del CBD quando la si beve.
Detto ciò è facile capire che non dobbiamo aspettarci effetti particolarmente marcati, prodotti dall’assunzione dalla canapa contenuta nella birra bevuta.

BIRRA ALLA CANAPA: AROMA MOLTO APPREZZATO

Gli amanti della birra cosa amano della birra alla canapa?
Oltre ad apprezzare gli effetti prodotti dal CBD sopra elencati, la birra alla canapa è apprezzata per i suo aroma tipico della canapa. La canapa conferisce alla birra un sapore non troppo pungente, un aroma di nocciola, di legnoso tipico del prodotto.
Gli amanti della birra riconosceranno nella birra alla canapa un aroma e un sapore ben distinto e particolare.
Non essendo un componente psicoattivo, non ha quindi alcun effetto, se non quello di apportare un sapore diverso a quello tradizionale. Il risultato è che qualsiasi cosa vi accada bevendola, sarà dettata dall’alcol presente nella birra e non dai principi presenti nella piante utilizzata.
Non vi resta che provare per credere!